Emergenza abitativa e beni confiscati a Palermo: consiglieri denunciano rischio bomba sociale

Consiglieri Di Gangi, Giaconia e Mangano denunciano emergenza abitativa e rischio sgombero famiglie dai beni confiscati. Situazione sociale critica. #NewsPA

A cura di Redazione
04 aprile 2024 18:15
Emergenza abitativa e beni confiscati a Palermo: consiglieri denunciano rischio bomba sociale
Condividi

Centinaia di famiglie economicamente e socialmente fragili a rischio di sgombero dai beni confiscati alla mafia che hanno occupato, con il rischio che debbano pagare anche decine di migliaia di euro perché che l’Agenzia nazionale per i beni confiscati assimila quei beni a beni di mercato.

“Una situazione paradossale di mancato dialogo fra istituzioni e di dubbia interpretazione del ruolo dei beni confiscati e dell’Agenzia nazionale che dovrebbe amministrarli”. Questa la denuncia dei tre consiglieri comunali del gruppo “Progetto Palermo”, Mariangela Di Gangi, Massimo Giaconia e Alberto Mangano, che oggi hanno tenuto una conferenza stampa, segnalando che in questi mesi l’Agenzia nazionale sta emettendo decine di ordinanze di sgombero e richieste di pagamenti che – secondo i tre consiglieri – non rispondono alle finalità per cui l’Agenzia è stata creata.

Il riferimento è ai documenti recapitati in queste ore a tantissime famiglie occupanti dei beni confiscati, nei quali in modo chiaro viene detto che l’Agenzia chiede delle indennità di occupazione calcolate “sulla base del valore di mercato”, arrivando a chiedere affitti anche di oltre 500 euro al mese a famiglie che si trovano in stato di grave povertà. Alcune decine di notifiche sono già arrivate, ma non si può escludere che ne arriveranno a breve altre.

“L’Agenzia nazionale non può comportarsi come un privato che vuole fare cassa – afferma Mariangela Di Gangi – e che non ha a cuore quell’uso sociale del patrimonio confiscato come è giusto che accada”.

Per Massimo Giaconia “si rischia di innescare una bomba sociale che il Comune di Palermo da solo non potrebbe disinnescare”.

A sollevare ulteriormente il tema politico è Alberto Mangano, che si chiede se “dietro questa posizione assunta dall’Agenzia per i beni confiscati non ci sia una incidenza del Governo nazionale, visto che ricalca esattamente quanto avvenuto nei giorni scorsi con Fratelli d’Italia che si è opposta ad ampliare la possibilità di utilizzo per le famiglie più fragili”.

I tre Consiglieri hanno sottolineato la necessità di “trovare una soluzione strutturale, anche attraverso un tavolo di crisi che coinvolga la Prefettura, perché siamo di fronte a persone e non ad oggetti. Persone fragili, famiglie con bambini che non possono essere messe in strada e abbandonate a loro stesse”.

✅ Fact Check FONTE VERIFICATA

Ti è piaciuto questo articolo? Seguici...

Via Newsletter

Niente spam, solo notizie interessanti. Proseguendo accetti la Privacy Policy.

Sui Canali Social